FanFiction su FullMetal Alchemist - Senza di lei Capitolo 22

22.
Doppia trasmutazione

Armstrong non era il tipo da tirare le cose per le lunghe, aveva messo al tappeto una ventina di quelle chimere orribili, cercando di capire come fossero state create. Alcune avevano parti intere di animali, altri invece avevano un corpo simile a quello umano, ma si comportavano come bestie senza contare che la maggior parte erano solo cadaveri che camminavano. Non avvertivano il dolore delle ferite e bisognava metterle fuori gioco con un colpo preciso. Falmann se la cavava molto bene con la pistola e il fuoco di protezione, che concedeva allo Strong Alchemist, era molto utile.
- Dovreste sentirvi onorati di sperimentare l’alchimia artistica tramandata da generazione in generazione dalla famiglia Armstrong!-
- Con tutto il rispetto maggiore, ma non credo che a loro interessi.-
- Ma interessa me!- Il maggiore sfoderò tutto lo splendore del suo corpo, meravigliandosi che quelle chimere non svenissero davanti alla sua enorme ed esuberante bellezza. - Io comincio a stare un po’ stretto!- Detto questo colpì con forza la parete alla sua destra aprendo un grande varco e connettendo, tra loro, la via che stavano percorrendo e quella che Havoc e Breda avevano preso. Anche loro erano in difficoltà, sparavano a raffica cercando di fermare quell’orrenda ondata, ma sembra tutto inutile.
- Maggiore splendida entrata!-
- Grazie sottotenente Havoc, credo di aver dato il meglio di me!-
- Maggiore! Crede di poterci ricongiungere anche con il colonnello?- Chiese Breda prendendo una chimera per il braccio e usandola a mo di spolverino, mentre il maggiore si concentrava per capire se potesse aprire un secondo varco. Tastò la parete del cunicolo con molta cura e attenzione, nonostante la situazione.
- No, questo cunicolo non è collegato con quello preso dal colonnello! Qui la parete è piena rischierei di far crollare tutto!- Le imprecazioni del sottotenente furono coperte da una decina di spari continui, ma ora dovevano occuparsi di uscire il più presto possibile da quella situazione.

FanFiction su FullMetal Alchemist - Senza di lei Capitolo 21

21.
Odore di morte

- Sottotenente Ross!- Il sergente Brosh non ragionava bene quando si trattava del sottotenente, nonostante Mustang lo avesse avvertito di non dare troppo nell’occhio, lui si era gettato sulla donna, felice di rivederla, ma come risposta aveva ricevuto in cambio un pugno in testa e un idiota gridato con rabbia.
- Colonnello Mustang.- La donna accennò il saluto militare come poteva e si mise automaticamente sull’attenti.
- Non c’è bisogno, nessuno di noi è in servizio adesso. Sa che vestita così è proprio una bella donna?- rise leggermente, ma il suo sguardo tornò subito serio e chiese immediatamente di Ed.
- Ho provato a dirgli di aspettare, ma non ha sentito ragioni. Poco distante c’è una chiesa, ho saputo da alcuni di qui che nessuno la usa da anni. Deve esserci un passaggio o qualcosa che conduca a dei sotterranei. Forse siete ancora in tempo e incontrerete Ed ancora li.-
- Speriamo che sia così, ma quel nanetto sa il fatto suo e avrà già trovato l’entrata. Grazie di tutto. Ora è meglio che torni a riposare, la vedo stanca.-
- Vorrei esservi di aiuto in qualche modo, ma con il braccio in queste condizioni non sono neanche in grado di mirare.- Maria si scusò ancora con il colonnello, ma Mustang cercò di rassicurarla, le poggiò una mano sulla spalla sforzandosi di sorriderle. Maria Ross osservò il gruppo che si dirigeva per la stessa strada che aveva percorso Ed poco prima, aveva il cuore a mille in quel momento. Mustang aveva lasciato indietro il sergente Brosh con l’ordine di occuparsi della donna.
- Sottotenente sarebbe meglio se la accompagnassi a casa ora.-
- Mi dispiace che tu sia dovuto rimanere qui ad occuparti di me.- rispose con tono triste, mentre lui la accompagnava verso la macchina che avevano usato per arrivare fin li.
- A dire la verità Mustang mi ha chiesto di occuparmi di Alphonse, lui non sa nulla di quello che è accaduto ad Ed e il colonnello teme che possa fare qualche sciocchezza.-
- Vengo con te se non ti dispiace.-
- Certo che no…- Il sergente continuò a mordersi il labbro inferiore per tutto il viaggio, cercando di non farle notare che le stava guardando ad intervalli molto regolari, le gambe lasciate scoperte dalla gonna. - Ecco io, sei molto bella vestita così.- Il sergente fece per cambiare marcia, lei ne approfittò per incrociare la sua mano con l’altra. Non era riuscita a rispondergli in quel momento, ma a lui bastava quel piccolo gesto.

FanFiction su Noragami - Oblivion Capitolo 8 (Fine)

Capitolo 8 

Colpì di netto il suo avversario che si spezzò in due, ma subito dopo fu costretto a difendersi da un altro assalto. Scivolò sul terreno fangoso, sporcandosi il viso e i vestiti, ma riuscì a parare e, contrattaccando di nuovo, mise fine all'ennesima battaglia.
 Era ridotto ad uno straccio, il fiato corto e completamente coperto di tagli ed escoriazioni, ma nonostante tutto nulla era riuscito a placare la sua rabbia e continuò la ricerca.
“ Yato devi riposare.” A nulla servivano le parole accorate di Yukine, che ormai da giorni non riacquistava la sua forma umana e i continui scontri lo avevano debilitato al punto che non riusciva più a sferrare i soliti attacchi precisi e netti. “Non possiamo andare avanti così.”
- Riposeremo quando sarà davvero finita.-
“ Che speri di ottenere sterminando ogni spettro della foresta, nessuno di loro ci ha dato informazioni e la maggior parte neanche ragiona. Dobbiamo fermarci e schiarirci le idee.”
- No, deve finire tutto prima che Hiyori torni. Non posso rischiare oltre.-
Si fermò cercando qualcosa tra gli alberi della piccola foresta in cui si era inoltrato. Era vicino all'entrata dello Yomi e per questo ogni angolo era gremito di spiriti che, in giorni di caccia, aveva sterminato come se non ci fosse un domani.

FanFiction su Noragami - Oblivion Capitolo 7

Capitolo 7 

Ci impiegò molto per riuscire a vestirsi a dovere, fu grata ad Hosuseri per averle legato l'obi come si deve e per averle acconciato i capelli come una principessa. Si riconosceva a stento in quegli abiti sontuosi ed eleganti, così ricercati e ben decorati, ma sapeva di aver già indossato, molti anni prima, simili vesti ed ebbe nostalgia. Hosuseri le aveva spiegato bene che non avrebbe avuto molto tempo, benchè ormai la sua anima non fosse più legata strettamente al suo corpo umano, presto avrebbe dovuto scegliere in quale tornare o si sarebbe estinta, ma per il momento aveva ancora qualche cosa da fare e poteva farla solo nelle vesti di Ko-no-hana.
- Vi sentite a vostro agio madre?- Hiyori guardò Hosuseri e si sentì scrutata da quelle bellissime iridi malva. Più lo guardava e più coglieva quei piccoli particolari che erano simili ai suoi e ne era felice. Quella era una vita che non era riuscita a godere a pieno, ma presto avrebbe rimediato.
- Si e no, so di aver indossato una cosa simile prima di oggi, ma gli abiti da umana sono decisamente più comodi.- Rise e Hosuseri lo fece di ricambio. In quel momento Hiyori sentì il suo cuore sussultare, per la prima volta percepì il dolore di non essere stata in grado di crescerlo, ma nonostante tutto era fiera di quel Dio così delicato e bello che le somigliava e che la chiamava madre con tanto affetto.
- I miei fratelli non ci sono, riportando indietro Murakumo si sono concentrati solo su di lui. Ora la spada è in isolamento e verrà sottoposta a giudizio divino, ma lui sapeva che sarebbe accaduto quando ha deciso di tornare con noi.- Ne era consapevole ed era preoccupata per lui, ma non aveva potuto fare molto. Murakumo era ricercato da molto tempo, sia da Ninigi che dai suoi figli, persino Hosuseri gli aveva dato la caccia. Tornando nel Takamagahara aveva segnato la sua condanna, ma facendolo aveva distolto lo sguardo di tutti dalla presenza di Hiyori per un po' permettendole di agire. - Ora andiamo.-

FanFiction su FullMetal Alchemist - Senza di lei Capitolo 20

20.
Si comincia!

- Non ero del tutto priva di coscienza quando mi ha portato in quel posto orribile,  mi ha trasportato sulle sue spalle, come se fossi una piuma. - Maria Ross aveva il viso contratto in un’espressione di dolore, era impallidita e gli occhi le si erano arrossati. Ed la osservava preoccupato, le aveva già chiesto di fare una pausa, ma lei si era opposta in modo categorico. Si era spostata dal vicolo e percorreva a passi stretti e lenti la piccola via, era un quartiere povero, i pochi negozi ancora chiusi e le case in stile vecchio e alcune anche decadenti. C’era uno strano odore di muffa nell’aria, ma entrambi ci avevano ormai fatto l’abitudine. - Ricordo una grande porta in pietra chiara, faceva un gran rumore quando l’ha aperta, poi è sceso in basso e tutto è diventato scuro, c’era anche tanto eco…- La donna ebbe un capogiro e il ragazzino corse ad aiutarla, facendola sedere sul bordo del piccolo e malandato marciapiede. Era evidentemente molto stanca, ma non aveva voluto fermarsi. Ora si stava comportando come la conosceva e stimava molto questa sua grande forza di volontà.
- Credo che dovresti riposare un secondo, sei troppo pallida.-
- Uno strano rumore mi ha ferito le orecchie quella volta come… dum… dum… dum…-
Nonostante il ragazzo cercasse di farla calmare, non riusciva neanche a raggiungerla. Aveva iniziato a ripetere quel verso con un tono cupo e lui non capiva a cosa si riferisse, almeno fino a quando non gli giunsero alle orecchie gli stessi suoni, solo più lontani. Erano campane di una chiesa non molto distante e Maria Ross aveva preso ad andare a tempo con quei rintocchi sinistri.

“Una porta in pietra chiara…”
- Un’entrata in marmo…- 

“ Un posto dove c’è eco…”
- Una chiesa, il rumore delle campane…-

 “Un luogo buio e freddo…”
- Un sotterraneo!-

Informazioni personali

La mia foto

Nonostante scrivo come una matta tutto quello che mi passa per la mente, descrivere me è sempre difficile. Sogno ad occhi aperti di questo sono colpevole e il mio carattere è abbastanza strano da far dire a chi mi conosce da anni che ancora non lo ha capito, bhe figurarsi io! Quindi sono alla scoperta giornaliera di quello che posso fare o meno! Sono un otaku convinta e yaoista ai massimi livelli ed ho trascinato nel tunnel dei manga e anime molte persone. Chi mi conosce sa che sono un "pò" fuori di testa!!!! ^_^

Random Posts